Testamento biologico tra esigenze normative e bisogni individualizzati di cura
ANT: una posizione specifica rispetto al disegno di legge
sulle disposizioni anticipate di trattamento va ulteriormente meditata

Priorità alla promozione di politiche sanitarie in grado di implementare la rete assistenziale e favorire l’accesso alle cure palliative per tutti

Le vicende di sofferenza che si sono recentemente concluse con il suicidio assistito, avvenuto all’estero, di due nostri connazionali, hanno riacceso il dibattito sulle decisioni terapeutiche e assistenziali nel fine vita, e in particolare sul ddl a proposito delle Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT) o Testamento Biologico il cui esame è in programma nuovamente da domani, martedì 21 marzo, alla Camera.

Le opinioni in merito al testo del ddl sono numerose e contrastanti, e pensiamo che questo sia in gran parte dovuto al fatto che, fermo restando la necessità di una normativa a riguardo, si debba approfondire maggiormente un ambito così delicato e così vasto da riguardare un ampio spettro di patologie, che affliggono persone con situazioni cliniche e percorsi terapeutici, e quindi esprimono bisogni, spesso molto dissimili.

Fondazione ANT, che da quasi 40 anni assiste quotidianamente circa 4.000 persone affette da tumore in fase avanzata, si trova in accordo con alcuni principi generali sostenuti dal ddl, primo tra tutti quello del diritto del paziente alla conoscenza ed alla condivisione delle scelte terapeutiche. Tuttavia, riteniamo che la questione debba essere, a oggi, oggetto di ulteriori riflessioni sia da parte dei tecnici sia da parte dei decisori, affinché le disposizioni legislative si esprimano in completo accordo con un sistema di valori (culturali, etici e deontologici) che sostenga prima di tutto il diritto imprescindibile alla vita in dignità e alla cura. In questo senso, accanimento terapeutico e abbandono non sono che due facce della medesima medaglia, ugualmente deprecabili in quanto contrarie ai principi fondanti le cure palliative e la medicina in generale.

Per quanto riguarda i malati di tumore che ogni giorno assistiamo, la nostra esperienza ci conferma come una cura globale e personalizzata, appropriata e attenta ai bisogni fisici, psicologici e sociali delle famiglie, sia la risposta più efficace per accompagnare le persone nel fine vita. E una legge che dice questo ce l’abbiamo, è la  Legge 38 del 2010 che dopo sette anni ancora è applicata con grande disomogeneitá. Purtroppo sappiamo bene come in Italia la gran parte dei pazienti affetti da patologie cronico-degenerative, soprattutto non oncologiche, muoia ancora senza aver ricevuto le cure palliative necessarie. Riteniamo quindi che la priorità attuale debba essere quella di promuovere politiche sanitarie in grado di implementare la rete assistenziale e favorire l’accesso alle cure palliative, così da garantire un fine vita dignitoso anche ai malati di Sla e di altre gravi insufficienze d’organo.

Solo dopo aver risposto a questo bisogno di cura, che si farà sempre più pressante con il progressivo miglioramento della sopravvivenza e della tecnologia medica, potremo pensare di valutare in modo più adeguato la normativa inerente le disposizioni anticipate di trattamento. Se da un lato infatti, questo è un tema sul quale è necessario che la giurisprudenza si pronunci, dall’altro lato esistono, a nostro parere, ancora troppe disparità e lacune nelle reti assistenziali territoriali, e ciò rende difficile inquadrare la questione in modo globale. Il vuoto legislativo esistente, deve essere per prima cosa contrastato dalla possibilità per chi soffre di avere vicino professionisti sanitari competenti e formati, che supportino le famiglie nella pianificazione delle cure di fine vita in modo da favorire la comunicazione ed evitare interventi diagnostici e terapeutici inappropriati e non condivisi.

In sintesi, facendo seguito ai comunicati recentemente diffusi dalla Società Italiana di Cure Palliative e da altre Società Scientifiche, che danno voce a posizioni evidentemente contrastanti, dal punto di vista istituzionale le considerazioni fin qui condivise portano ANT a ritenere che una posizione specifica rispetto al ddl sulle Disposizioni Anticipate di Trattamento debba essere ulteriormente meditata e non decisa sull’onda dei recenti fatti di cronaca, che per quanto significativi nella loro drammaticità, non rappresentano la globalità della situazione. I professionisti sanitari che operano per Fondazione ANT in 10 regioni italiane, esprimeranno naturalmente la loro opinione in merito secondo scienza e coscienza e in base alle proprie caratteristiche personali e culturali.

Raffaella Pannuti – Presidente Fondazione ANT Italia ONLUS

Guido Fanelli – Direttore Scientifico Fondazione ANT

Maurizio Mineo – Coordinatore Sanitario Nazionale Fondazione ANT