Fondazione ANT Italia ONLUS partner etico di Motor Show 2017
La solidarietà affianca la passione a 360 gradi per le quattro ruote

Per il secondo anno, Fondazione ANT Italia ONLUS sarà partner etico di Motor Show, in programma a Bologna Fiere dal 2 al 10 dicembre. La storica manifestazione dedicata alla passione per le quattro ruote ha scelto ancora una volta di dedicare spazio alla solidarietà con Fondazione ANT, la più grande realtà non profit in Italia per le attività gratuite di assistenza medica specialistica domiciliare ai malati di tumore e di prevenzione oncologica.

ANT sarà presente al Padiglione 16 con l’Ambulatorio Mobile – Bus della Prevenzione. Il mezzo, dotato di strumentazione diagnostica all’avanguardia (mammografo digitale, ecografo e videodermatoscopio) consente alla Fondazione di realizzare progetti di prevenzione oncologica gratuiti anche nelle zone meno servite del territorio nazionale. Corretti stili di vita e diagnosi precoce sono infatti le parole chiave per ANT, da anni al lavoro su questi temi con iniziative di sensibilizzazione ed educazione sanitaria nelle scuole, cui si affianca un programma ormai consolidato di visite e controlli gratuiti e aperti a tutti. Un impegno che ha portato gli specialisti della Fondazione a erogare in poco più di dieci anni oltre 150.000 visite gratuite in diversi ambiti: per la diagnosi tempestiva di melanoma, noduli tiroidei, neoplasie ginecologiche e mammarie, cavo orale e visite nutrizionali.

Durante il Motor Show o volontari e lo staff di ANT saranno presenti per sensibilizzare sulla mission della Fondazione e proporre i regali solidali ANT: Stelle di Natale e tradizionali dolci delle Feste che contribuiscono a offrire gratuitamente a 10.000 malati di tumore ogni anno l’assistenza domiciliare di équipe medico-sanitarie composte da medici, infermieri e psicologi e specialisti. In quasi 40 anni di attività, ANT ha infatti portato gratuitamente nelle case di 120.000 malati di tumore un’assistenza di livello ospedaliero grazie a 20 équipe medico-sanitarie attualmente presenti in dieci regioni italiane.