Fondazione Prosolidar

Grazie a Fondazione Prosolidar, dal 1 settembre 2015 si è avviato un importante progetto per il supporto e il potenziamento dell’Ospedale Domiciliare Oncologico della Provincia di Napoli. ANT potenzia la propria presenza in un territorio particolarmente colpito dall’incidenza tumorale: la Campania. Recenti dati e ricerche evidenziano infatti un preoccupante picco di tumori nella zona tristemente nota come “Terra dei fuochi”. In risposta a questa situazione di estrema urgenza e fragilità, ANT ha avviato un progetto di rete per continuare ad offrire assistenza domiciliare gratuita ai sofferenti oncologici, ampliando sempre più l’area geografica coperta dal servizio dei propri medici, infermieri e psicologi. Un impegno professionale e premuroso, attivo 24 ore su 24, ogni giorno dell’anno, che ora si valorizza ulteriormente grazie alle partnership avviate con altre realtà no profit presenti sul territorio, che aiuteranno ANT anche ad offrire assistenza tutelare gratuita agli assistiti.Nell’arco dei 3 anni di progetto, ANT potrà inoltre intervenire, in maniera del tutto complementare all’assistenza, nella prevenzione oncologica, organizzando ben 31 giornate rivolte alla diagnosi precoce dei tumori e offerte gratuitamente alla cittadinanza.Nel 2013/14, la Fondazione Prosolidar era già stata vicina ad ANT, sostenendo l’acquisto di un nuovo furgoncino, necessario per la consegna dei presidi sanitari ai pazienti dell’Ospedale Domiciliare Oncologico ANT di Bologna.

Segui lo sviluppo del progetto in Campania sul nostro sito

FONDAZIONE PROSOLIDAR – ONLUS è un Ente bilaterale costituito in forma di Fondazione nel 2011 per iniziativa del Fondo nazionale del settore del credito per progetti di solidarietà-Onlus ente bilaterale esso stesso dal quale ha ereditato il patrimonio culturale ed i principi fondativi.In esso sono presenti, pariteticamente, tutte le Organizzazioni sindacali del settore del credito (tramite le proprie segreterie nazionali) nonchè tutte le imprese aderenti all’ABI e l’ABI stessa. Essa è la prima e, allo stato, l’unica esperienza, anche a livello internazionale, di ente voluto dalle parti in un contratto collettivo e finanziato attraverso il “match-gifting”, cioè la condivisione del contributo in misura uguale tra lavoratori ed imprese.