Assistenza specialistica domiciliare gratuita ai malati di tumore:
Fondazione ANT operativa nel Riminese con una équipe medico sanitaria

Un corso per diventare volontario e sostenere le attività della ONLUS

Fondazione ANT operatica anche in Romagna con l’attività medica di assistenza specialistica gratuita a casa dei malati di tumore. Da Bologna, dove è nata nel 1978 per volere dell’oncologo Franco Pannuti, ANT ha ampliato il proprio raggio di azione anno dopo anno, fino a raggiungere oggi 10 regioni italiane e dando assistenza complessivamente a oltre 10.000 persone ogni anno.

La Fondazione, che nell’ottobre scorso ha aperto un charity point in centro a Rimini (Corso d’Augusto 188) grazie alla collaborazione di un gruppo di volontarie impegnate nella raccolta fondi, è ora operativa sul territorio con un primo nucleo sanitario adeguatamente formato. I professionisti che lavorano per la Fondazione – oltre 500 in Italia tra medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, farmacisti, operatori socio-sanitari e funzionari – forniscono al paziente cure mediche, infermieristiche, psicologiche e socio assistenziali di livello ospedaliero, pensate nell’ottica del benessere globale non solo del malato, ma anche della sua famiglia. Lo staff di ANT in Romagna potrà essere attivato da pazienti oncologici nei comuni di Rimini, Riccione, Santarcangelo di Romagna, Bellaria-Igea Marina, Cattolica, Misano Adriatico, San Giovanni in Marignano, Morciano di Romagna, San Clemente e Coriano. Per l’attivazione è sufficiente contattare l’ufficio accoglienza ANT nella sede di Pesaro in corso XI settembre 217/2019 – tel. 0721 370371.

Dal 15 febbraio sarà possibile partecipare a Rimini, alla Casa delle Associazioni – Comune di Rimini (via Covignano, 238 – RN) al corso di formazione gratuito per conoscere meglio Fondazione ANT e diventarne volontario. Il corso si pone come obiettivo generale di trasmettere le competenze di base per poter espletare in maniera adeguata il volontariato in ANT, con un focus sulla promozione ed i progetti di raccolta fondi, fondamentali per garantire nel tempo l’assistenza e la prevenzione oncologica gratuita. Introdotti dalla vicesindaco Gloria Lisi e da Maurizio Maggioni, direttore di Volontarimini, giovedì 15 febbraio alle 17 i professionisti ANT spiegheranno il modello di assistenza specialistica domiciliare e gratuita ANT, i progetti di prevenzione e la start up nel Riminese. Venerdì 16 febbraio, sempre alle 17, si terrà un incontro sulle motivazioni per diventare volontario ANT e il modello organizzativo. Il 22 e 23 febbraio, sempre alle 17, si parlerà di fundraising e volontariato socio-assistenziale a contatto con le famiglie seguite da ANT.

È preferibile la frequenza di tutti gli incontri ma è possibile partecipare anche a un solo modulo. Per informazioni e iscrizioni tel. 348 3102667 – delegazione.rimini@ant.itwww.ant.it.

Ringrazio i volontari che nei mesi scorsi, con grande sensibilità, hanno capito e accolto la nostra volontà di attivare anche in quest’area la nostra assistenza, in risposta a un bisogno espresso dal territorio – commenta Raffaella Pannuti, presidente di Fondazione ANT –  A pochissime settimane dall’avvio di questa esperienza sono già quattro i pazienti oncologici che la nostra équipe ha preso in carico. Tutto questo anche grazie ai tanti riminesi che si sono messi a disposizione fin da subito, aiutandoci a raccogliere i fondi necessari per partire.