Recital Cantango – Modena

Modena, Teatro Comunale Luciano Pavarotti

Fabio Armiliato tra lirica e tango per Fondazione ANT

Il 22 settembre al Teatro Comunale Luciano Pavarotti un grande spettacolo per festeggiare la Onlus

Quaranta anni fa nasceva a Bologna, per opera del professor Franco Pannuti, all’epoca primario della Divisione di oncologia dell’Ospedale Malpighi di Bologna, quella che sarebbe diventata negli anni la più grande realtà non profit nell’assistenza domiciliare gratuita agli ammalati di tumore.

In occasione di questo importante anniversario la Delegazione di Modena ha promosso diversi eventi, tra questi uno spettacolo, patrocinato dalla Regione Emilia-Romagna e dal Comune di Modena, in programma il 22 settembre al Teatro Comunale Luciano Pavarotti con Fabio Armiliato, uno dei tenori più noti della scena lirica internazionale, impegnato per l’occasione in un programma speciale. Acclamato dal pubblico grazie alla sua particolare vocalità, al suo impressionante registro acuto e alla sua innata musicalità, Armiliato sarà infatti il protagonista del recital Cantango, che unisce lirica e tango in un unico abbraccio musicale. La serata vedrà la collaborazione dell’Associazione “Amici dei Teatri” e il ricavato andrà interamente a sostenere le attività gratuite di assistenza specialistica domiciliare ai malati di tumore e di prevenzione oncologica ANT sul territorio modenese.

Da allora a oggi ANT ha curato oltre 125.000 persone in 10 regioni italiane (Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Marche, Campania, Basilicata, Puglia, Umbria). Ogni anno 10.000 persone vengono assistite nelle loro case da 20 équipe multi-disciplinari ANT che assicurano cure specialistiche di tipo ospedaliero e socio-assistenziale, con una presa in carico globale del malato oncologico e della sua famiglia. Nel tempo ANT si è impegnata fortemente anche nella prevenzione oncologica con progetti di diagnosi precoce di diverse patologie come le neoplasie dermatologiche, tiroidee, ginecologiche, mammarie del cavo orale e del testicolo, oltre a un programma di consulenze nutrizionali personalizzate. Dall’avvio nel 2004 sono stati visitati gratuitamente oltre 170.000 pazienti in 80 province italiane. ANT opera in Italia attraverso 120 delegazioni, dove la presenza di volontari è molto attiva. Alle delegazioni competono, a livello locale, le iniziative di raccolta fondi e la predisposizione della logistica necessaria all’assistenza domiciliare, oltre alle attività di sensibilizzazione.

RecitaL CanTANGO” è un progetto del tenore Fabio Armiliato che nasce dall’incontro col pianista e arrangiatore di Tango Fabrizio Mocata. L’idea prende le mosse dalla passione di entrambi per il Tango e unisce l’Opera Lirica al TANGO  con una nuova idea di spettacolo che si presenta anche come un virtuale “contenitore” per parlare degli avvenimenti storici e dei personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, molti dei quali di origine italiana, che hanno dato vita e lustro a questa meravigliosa forma d’Arte all’inizio del secolo scorso: la Canzone del Tango.
RecitaL CanTANGO – Omaggio a Schipa e Gardel: Opera e Tango” è il titolo del programma che viene proposto con l’idea di coniugare il BELCANTO e il TANGO soprattutto nel nome di due grandissimi personaggi e interpreti: Tito Schipa e Carlos Gardel. Cantanti, attori e entrambi compositori, Schipa e Gardel nella loro arte vocale ci mostrano il denominatore comune di un’arte vocale fondata sul “recitar cantando”, che è considerata da sempre la radice del melodramma (l’Opera lirica) e di tutta la poesia in musica e che ha suggerito anche il titolo del progetto, attraverso un semplice ma eloquente gioco di parole.

L’Opera Lirica e il Tango sembrano due mondi musicali apparentemente lontani; invece troviamo in loro un’importante radice comune proprio nel belcanto italiano, nella sua vena melodica e soprattutto nella grande influenza che l’opera italiana ha avuto nello sviluppo del Tango alle sue origini. L’educazione vocale era condizione essenziale in tutti i generi musicali alla fine dell’800 e fin dalle prime Tango Canciones interpretate da Carlos Gardel, si percepisce lo stesso approccio esecutivo esistente nelle interpretazioni dei grandi interpreti del melodramma come Enrico Caruso, Titta Ruffo, Miguel Fleta e Tito Schipa, che sono stati anche grandi amici proprio dello stesso Gardel. Esiste quindi uno stretto legame tra il Melodramma e le Tango Canciones delle origini e ci sono testimonianze che affermano che Carlos Gardel fu anche allievo di canto di Tito Schipa durante i lunghi soggiorni a Buenos Aires del grande tenore leccese.

Nel corso dello spettacolo un omaggio particolare verrà tributato alla grande soprano Daniela Dessì, prematuramente scomparsa nel 2016 e alla quale il marito Fabio Armiliato ha dedicato una Fondazione per la prevenzione delle malattie oncologiche. Non nasce per caso infatti questa collaborazione tra ANT ed il grande tenore.

I biglietti sono disponibili on line su Vivaticket e presso la biglietteria del Teatro in Corso Canalgrande 85. I biglietti partono da euro 32 per la platea e i palchi, a seguire euro 27 per il palco centrale e euro 22 per quelli laterali, per finire con il loggione a euro 12.

Il ricavato sarà utilizzato per le attività che ANT offre gratuitamente alla collettività.

La Fondazione ANT ringrazia per il sostegno Bper Banca, Gruppo Cremonini, Banco BPM e Banca San Felice e i media partner TRC e Radio Stella.

Per ulteriori informazioni cliccare sulla locandina o contattare ANT Modena tel. 059/238181 – delegazione.modena@ant.it