Fondazione ANT e Società Dolce per la prevenzione oncologica
alle donne immigrate con il sostegno di Fondazione Carisbo

Difficoltà linguistiche, impedimenti economici e burocratici o semplice gap culturale sono alla base di un basso accesso delle donne immigrate alla prevenzione oncologica. Stando allo studio di Epidemiologia e prevenzione – rivista dell’Associazione italiana di epidemiologia, il livello di copertura del Pap test si attestava nel 2013 (ultimi dati disponibili) al 63,4% per le donne italiane, al 49,6% per le immigrate, mentre per la copertura mammografica la stima è pari al 56,8% per le italiane e solo al 37,1% per le immigrate. Sempre più spesso – rimarca lo studio – queste donne rinunciano a curarsi e, avendo scarso accesso ai programmi di prevenzione oncologica, scoprono di essere malate di cancro con circa 12 mesi di ritardo rispetto alle donne italiane.

È a loro, che si rivolge il progetto di Fondazione ANT con Società Dolce, realizzato grazie al sostegno di Fondazione Carisbo.

Due le azioni messe in campo: la prima è la realizzazione di un opuscolo informativo in lingua italiana, francese, inglese e araba sui corretti stili di vita per la prevenzione dei tumori; la seconda è invece l’offerta di visite gratuite di prevenzione oncologica effettuate da professionisti ANT negli ambulatori della Fondazione.

L’opuscolo è in distribuzione nei luoghi di presenza e aggregazione di cittadini stranieri e presso lo sportello di InformaDolce, spazio di orientamento per tutti i cittadini sui servizi socio sanitari presenti a Bologna.

Nell’ambito dei suoi programmi di prevenzione oncologica, Fondazione ANT offrirà 6 giornate per la diagnosi precoce dei tumori ginecologici per un totale di 96 controlli gratuiti (visita, Pap test ed ecografia), e 5 giornate per la prevenzione del tumore della mammella per un totale di 80 controlli.

La prevenzione e l’attenzione alla salute sono un’importante difesa per tutti i cittadini, in termini economici, assistenziali e sociali: un elemento d’inconfutabile valore, in una società che aspira ad essere accogliente e democratica.