La nuova campagna lasciti testamentari di ANT ha il volto di Cecilia Matteucci Lavarini

Lo shopping va in Paradiso
La nuova campagna lasciti di Fondazione ANT
ha il volto di Cecilia Matteucci Lavariniicona di stile, collezionista e melomane

Lo shopping va in paradiso.
 Compra ora. Un domani lascia ad ANT.
 Fondazione ANT – principale realtà non profit italiana per le attività gratuite di assistenza medica domiciliare ai malati di tumore e di prevenzione oncologica – ha scelto la chiave dell’ironia per sensibilizzare il grande pubblico allo strumento del lascito solidale che permette 
a tutti di ricordare nel proprio testamento realtà del Terzo Settore. Testimonial d’eccezione della campagna è Cecilia Matteucci Lavarini, eclettica collezionista d’arte e haute couture, entusiasta melomane e vera icona di stile che ha prestato la sua immagine pro bono.

La campagna pubblicitaria di ANT nasce nell’ambito di Eurobest, Festival della Creatività Europea realizzato dagli organizzatori del Festival di Cannes. Fondazione ANT è stata scelta come charity destinataria della Young Creatives Competition: venti coppie di giovani creativi si sono confrontate con il tema dei lasciti testamentari creando una campagna in appena 30 ore. Ad aggiudicarsi il primo premio è stato il progetto del team danese di Klara Vilshammer e Christoffer Boas di Robert/Boisen & Like-minded con una campagna audace, che mette il consumismo al servizio del non profit e scatena il dibattito sul rapporto tra consumo e beneficenza, autoindulgenza e coscienza. Buy now. Donate to us later (Compra ora. Dona a noi più tardi) è il claim scelto per invitare le persone a lasciare nel proprio testamento un regalo per ANT, contribuendo a cambiare la qualità della vita per i malati di tumore. Il ritratto di Cecilia Matteucci Lavarini è firmato dal fotografo Max Cavallari. La campagna sarà pianificata quest’estate su stampa periodica e online.

Il termine testamento solidale indica la possibilità di lasciare parte o tutto il proprio patrimonio a enti che abbiano finalità benefiche. Si tratta di una scelta consapevole e autonoma, che può essere rivista in ogni momento e che non lede 
in alcun modo i diritti dei familiari. Per farlo non è necessario un lascito di grandi dimensioni: anche una piccola cosa saprà testimoniare il senso di solidarietà del donatore.

Per informazioni scrivi a:

lasciti@ant.it – nicoletta.silvestri@ant.it – silvia.ciresa@ant.it

Tel. 051 7190136 – Cell. 348 3102787

pdf_28-03-11Scarica il manuale sui lasciti