Fondazione Cassa di Risparmio di Prato

Da diversi anni la Fondazione Cassa di Risparmio di Prato sostiene le attività di ANT in loco.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Prato conferma anche per il 2020/21 il suo prezioso sostegno a Fondazione ANT sposando il progetto “Accanto al malato oncologico: assistenza gratuita specialistica domiciliare e cure palliative.“

Obiettivo del progetto è garantire attività infermieristica e psicologica gratuita a domicilio a 50 pazienti oncologici e alle loro famiglie, fornendo gratuitamente tutto il materiale sanitario necessario agli assistiti del territorio di Prato e provincia. 

Nel corso dell’anno precedente, inoltre, la Fondazione ha sostenuto il progetto “Il Benessere psico-fisico dell’assistito ANT”, volto a migliorare la qualità di vita dei malati oncologici attraverso un’assistenza multi-disciplinare per offrire un supporto fisioterapico, psicologico e nutrizionale sul territorio locale.

Da sempre, difatti, ANT vuole rispondere al richiamo della sofferenza con amore e professionalità. Per questo, anche grazie al sostegno di realtà quali la Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, la Fondazione è attiva con la propria èquipe multi-disciplinare a Prato e provincia, per offrire un servizio sanitario (i professionisti ANT sono medici, infermieri e nutrizionisti), completo anche del supporto psicologico, indispensabile per prendersi cura a 360 gradi del sofferente e della sua famiglia.

La Fondazione Cassa di Risparmio di Prato ha contribuito negli anni anche all’acquisto di diversi presidi, utili per rendere l’ambiente abitativo idoneo alle cure domiciliari oncologiche.

La Fondazione Cassa Risparmio di Prato svolge attività di interesse pubblico, di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale del territorio pratese. Il forte e costante legame con il territorio di origine ha consentito alla Fondazione di assumere un ruolo attivo nei principali momenti della vita della città, con la quale ha instaurato un dialogo costruttivo attraverso interventi mirati, che può realizzare anche con altri soggetti pubblici o privati, nell’ambito dell’istruzione e della ricerca scientifica, della conservazione dei beni artistici e culturali, del volontariato e dell’assistenza alle categorie sociali più deboli.