Progetti in corso

Le attività di ricerca attualmente in corso si concentrano sulle seguenti aree tematiche:

1) Studi clinici sul dolore e su altri sintomi della malattia in fase avanzata:

  • PREVALENCE OF BREAKTROUGH CANCER PAIN (BTcP) AND ITS IMPACT ON THE QUALITY OF LIFE IN ONCOLOGIC PATIENTS ASSISTED AT HOME AND TREATED WITH OPIOIDS. Studio sul doloreepisodico intenso nei pazienti oncologici trattati con farmaci oppioidi.
  • A CASA SENZA DOLORE. Rilevazione informatizzata del dolore per migliorarne il monitoraggio nel paziente oncologico.
  • A MULTICENTER, OBSERVATIONAL PROSPECTIVE STUDY ON QUALITY OF LIFE (QOL) IN ADVANCED CANCER PATIENTS WITH OPIOID-INDUCED CONSTIPATION (OIC) TREATED AT HOME WITH NALOXEGOL ACCORDING TO THE CLINICAL PRACTICE. Studio osservazionale sulla qualità della vita dei pazienti oncologici affetti da stipsi indotta dai farmaci oppioidi.
  • TERAPIA FOTODINAMICA E INIBITORI DI POMPA PROTONICA PER IL TRATTAMENTO DEL DOLORE NEL PAZIENTE CON METASTASI OSSEE (METABONEPROT).Studio condotto in collaborazione con la Dott.ssa Sofia Avnet, Laboratorio di Fisiopatologia Ortopedica e Medicina Rigenerativa dell’Istituto Ortopedico Rizzoli, per la valutazione di possibili soluzioni innovative per il controllo del dolore da metastasi ossee nel paziente oncologico.

2) Studi di psico-oncologia

  • BURNOUT IN HOME PALLIATIVE CARE: WHAT IS THE ROLE OF COPING STRATEGIES? Studio per evidenziare le strategie di coping e monitorare il disagio fisico e psicologico negli operatori sanitari che forniscono cure palliative a domicilio.
  • LET’S START WITH THE END: BIBLIODRAMA IN A DEATH EDUCATION COURSE ON MANAGING FEAR OF DEATH, PHANTASY PRONENESS AND ALEXITHYMIA. Studio condotto in collaborazione con la Professoressa Ines Testoni direttrice del master in Death Studies& The End of Life dell’Università di Padova. Il progetto è stato condotto dagli psicologi ANT nelle scuole secondarie di secondo grado e descrive i risultati di un percorso di Death Education volto a potenziare le risorse dei ragazzi di fronte alle esperienze di perdita.

3) Studi sui caregivers

  • CAREGIVING IN HOME PALLIATIVE CARE: PREDICTORS FOR A BETTER QUALITY OF LIFE. Studio sui fattori determinanti per la qualità della vita di chi assiste a domicilio un familiare malato di tumore.
  • CARE FOR CARERS: AN INVESTIGATION ON FAMILY CAREGIVERS’ NEEDS, TASKS AND EXPERIENCES.

Lo studio, che fa parte delle attività scientifiche di ANT all’interno del gruppo di lavoro permanente EuropeanInnovation Partnership on Active and HealtyAgeing (EIP-AHA), si propone di rilevare i bisogni assistenziali dei caregiver.

4) Innovazione e tecnologia

  • THE LOOK OF LIFE. Lo studio, avviato attraverso una collaborazione con il Professor Luciano Gamberini, direttore del Centro Interdipartimentale di Ricerca Human Inspired Technologies dell’Università di Padova, si propone di valutare l’effetto di tecnologie di ultima generazione come la realtà virtuale immersiva sui malati oncologici in assistenza domiciliare, misurandone gli effetti sul dolore e su diversi aspetti dello stato dell’umore.


    Partecipazione di Fondazione ANT acongressi

Pubblicazioni

1) 2018
• Cartabellotta A, Varani S, Pannuti R (2018). Linee guida per l’assistenza al fine vita di neonati, bambini e giovani con patologie disabilitanti. Evidence 2018;10(4): e1000182 doi: 10.4470/E1000182

2) Anni precedenti

• Varani S, Bonazzi A, Messana R, Peghetti B, Pannuti R, Pannuti F (2017). Comunicare per comprendersi: un’indagine sui bisogni formativi di chi lavora in cure palliative oncologiche. RivistaItaliana di Cure Palliative, XIX (2)
• Martoni AA, Varani S, Peghetti B, Roganti D, Volpicella E, Pannuti R, Pannuti F (2017). Spiritual well-being of Italian advanced cancer patients in the home palliative care setting. Eur J Cancer Care;e12677, DOI: 10.1111/ecc.12677
• Cartabellotta A, Varani S, Pannuti R (2016). Linee guida per l’assistenza agli adulti nel fine vita. Evidence 2016; 8(6):e1000143
• Zavagli V, Miglietta E, Varani S, Pannuti R, Brighetti G, Pannuti F (2016). Association between caregiving worries and psychophysical well-being. An investigation on home-cared cancer patients family caregivers. Support Care Cancer, 24:857-863
• Rusolo D, Chattat R, Varani S, Ottoboni G, Ferracini R, Pannuti R, Pannuti F (2015). Il filo delle memorie: un intervento di stimolazione cognitiva nel paziente con tumore in fase avanzata. GiornaleItaliano di Psico-Oncologia, 17(1):41-50
• Ruggeri E, Agostini F, Giannantonio M, Fettucciari L, Pironi L, Pannuti F (2015), Impact of home artificial nutrition on quality of life and survival in advanced cancer patients, Journal of Chachexia, Sarcopenia and Muscle; 6(4):398-509
• Martoni A, Boltri B, Strocchi E, Rizzi D, Varani S, Mineo M, Pannuti R, Pannuti F (2015). Il programma di assistenza domiciliare oncologica della fondazione ANT nell’area metropolitana di Bologna. RivistaItaliana di Cure Palliative, XVII (3)
• Pannuti R (2015). Qualità di vita del malato terminale e sostenibilità delle cure palliative: l’integrazione tra sanità pubblica e privato sociale. Evidence 2015; 7(9):e1000118 DOI: 10.4470/E1000118
• Varani S, Dall’Olio FG, Messana R, Tanneberger S, Pannuti R, Pannuti F and Biasco G (2015). Clinical and Demographic Factors Associated to the Place Of Death in Advanced Cancer Patients Assisted at Home in Italy. Progress in Palliative Care, 23(2), pp.61-67.
• Samolsky Dekel BG, Varani S, Samolsky Dekel AR, Di Nino G, Melotti RM (2014). Pain Control in the Continuity of Care. Clinical Management Issues, 8(3), pp.83-90.
• Varani S, Pannuti R, Pannuti F (2014). Progetto Eubiosia: il modello della Fondazione ANT. Fighting Pain-combattereildolore, 1(3):55-59.
• Melilli G, SamolskyDekel BG, Frenquelli C, Mellone R, Pannuti F (2014). Transdermal Opioids for Cancer Pain Control in Patients with Renal Impairment. J Opioids Manag, 10(2), pp:85-93.
• Pannuti R, Varani S (2013). No profit nelle cure palliative: quale ruolo e quali prospettive. 5° Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici, Osservatorio sulla condizione assistenziale dei malati oncologici, pp106-108.
• Ruggeri E, Agostini F, Fettucciari L, Giannantonio M, Pironi L, Pannuti F (2013). Home artificial nutrition in advanced cancer patients. Tumori, 99:218-224.
• Zavagli V, Varani S, Salmosky-Dekel A R, Brighetti G, Pannuti F. (2012). Valutazione dello stato di salute psicofisico dei caregiver di pazienti oncologici in assistenza domiciliare. La Rivistaitaliana di Cure Palliative, 14(3), pp.20-26.
• Zavagli V, Varani S, Salmosky-Dekel A R, Brighetti G, Pannuti F. (2012). Worry as a risk factor for mental and somatic diseases. A research on home-cared patients family caregivers, GiornaleItaliano di MedicinadelLavoro, 34(2), pp.17-22.
• Zavagli V, Varani S, Samolsky-DekelAD, Brighetti G, Pannuti F. (2012) Il rimuginio come attivatore potenziale di malattia. Una ricerca sui familiari caregiver di pazienti oncologici in assistenza domiciliare. In “Dinanzi al morire: percorsi interdisciplinari dalla ricerca all’intervento palliativo; a cura di Capozza D, Testoni I, Padova University Press, pp.579-591.
• Pannuti R, Casadio M, Varani S, Pannuti F. Il Progetto Eubiosia: sintesi dell’esperienza assistenziale ANT 1985-2010. RivistaItaliana di Cure palliative 2011; 4: 52-62.
• Varani S, Fierro C, Brighetti G, Casadio M, Pannuti F. Valutazione del benessere psico-sociale di un’équipe di assistenza domiciliare oncologica: uno studio longitudinale. RivistaItaliana di Cure Palliative 2010; 2: 29-36.
• Casadio M, Biasco G, Abernethy A, Bonazzi V, Pannuti R, Pannuti F. The National Tumor Association Foundation (ANT): A 30 year old model of home palliative care, BMC Palliative Care 2010; 9:12, http//www.biomedcentral.com/1472-684X/9/12.
• Pannuti F, Pannuti F, Tanneberger S. Home care for advanced cancer: results and challenges. Arch. Oncol. 2010; October, 18 (3): 31-35, www.onk.ns.ac.rs/Archive